Segni degli ultimi tempi: i segni del ritorno di Gesù si sono realizzati, come possiamo accogliere il Signore?

di Xinjie

Duemila anni fa il Signore Gesù ci promise: “Ecco, Io vengo presto” (Apocalisse 22:12). Ora si sono manifestati segni di ogni genere del Suo ritorno, e molti fratelli e sorelle hanno avuto premonizioni riguardo all’approssimarsi del giorno del Signore. Il Signore è forse già ritornato? Che cosa possiamo fare per accogliere il Signore? Parliamone adesso esaminando le profezie esposte nella Bibbia.

Indice articolo

1.Il primo segno del ritorno del Signore: terremoti, carestie, epidemie e guerre

2.Il secondo segno del ritorno del Signore: comparsa di anomalie celesti

3.Il terzo segno del ritorno del Signore: le chiese sono desolate e l’amore dei credenti si è raffreddato

4.Il quarto segno del ritorno del Signore: la manifestazione di falsi

5.Il quinto segno del ritorno del Signore: la restaurazione di Israele

6.Il sesto segno del ritorno del Signore: la diffusione del Vangelo fino ai confini della terra

7.Come dobbiamo accogliere il ritorno del Signore?

Il primo segno del ritorno del Signore: terremoti, carestie, epidemie e guerre

Matteo 24:6-8 dice: “Voi udrete parlare di guerre e di rumori di guerre; guardate di non turbarvi, infatti bisogna che questo avvenga, ma non sarà ancora la fine. Perché insorgerà nazione contro nazione e regno contro regno; ci saranno carestie e terremoti in vari luoghi; ma tutto questo non sarà che principio di dolori”. Negli ultimi anni di frequente sono scoppiate guerre, con avvenimenti quali il rovesciamento del regime dei talebani in Afghanistan, il conflitto tra India e Pakistan, l’invasione dell’Iraq da parte degli Stati Uniti, la guerra in continua intensificazione fra Israele e Palestina. Dappertutto si osservano anche epidemie, incendi, inondazioni e terremoti. Di particolare rilevanza è il “nuovo coronavirus” emerso a Wuhan, in Cina, nel 2019 e poi diffusosi in tutto il mondo. Inoltre nel settembre del 2019 vi sono stati gravi incendi boschivi in Australia, mentre dall’altra parte del pianeta, in Africa orientale, si è verificata una grave invasione di locuste, e molti paesi ora si trovano ad affrontare una carestia. Nel gennaio del 2020 l’Indonesia ha subìto un’inondazione, mentre Terranova in Canada è stata colpita da una tempesta di neve di un’intensità che si registra una volta al secolo. Si sono verificati terremoti a Elazig in Turchia, nella parte meridionale di Cuba nei Caraibi e altrove. Da questi segni si può vedere come tale profezia si sia ormai avverata.

Immagine della Chiesa di Dio Onnipotente

Immagine della Chiesa di Dio Onnipotente

Il secondo segno del ritorno del Signore: comparsa di anomalie celesti

L’Apocalisse 6:12 dice: “Poi vidi quando l’Agnello aprì il sesto sigillo; e si fece un gran terremoto. Il sole diventò nero come un sacco di crine e la luna diventò tutta come sangue”. Gioele 2:30-31 dice: “E farò dei prodigi nei cieli e sulla terra: sangue, fuoco, e colonne di fumo. Il sole sarà mutato in tenebre, e la luna in sangue prima che venga il grande e terribile giorno di Jahvè”. Negli ultimi anni vi sono stati vari casi in cui la luna ha assunto un colore rosso sangue. Per esempio, nel biennio 2014-2015, si è verificata una serie di quattro “lune di sangue”, e il 31 gennaio 2018 c’è stata una “super-luna di sangue blu”, che si verifica soltanto una volta ogni 150 anni. Poi nel gennaio del 2019 è comparsa una “super-luna di sangue del lupo”. Si è anche verificato il fenomeno profetizzato del sole che diventa nero e in effetti vi sono state molte eclissi di sole, per esempio quelle osservate a Singapore il 26 dicembre 2019 e in Cile il 2 luglio dello stesso anno. In tali fenomeni è evidente l’avverarsi di questa profezia.

Il terzo segno del ritorno del Signore: le chiese sono desolate e l’amore dei credenti si è raffreddato

Matteo 24:12 dice: “Poiché l’iniquità aumenterà, l’amore dei più si raffredderà”. In tutto il mondo religioso si sta diffondendo la desolazione. La predicazione di pastori e anziani è ormai stanca e stereotipata e non riesce più a provvedere ai credenti. Nella loro lotta per il prestigio, alcuni pastori stanno formando cricche e fazioni nelle chiese, e alcuni si sono perfino messi in affari avviando fabbriche per condurre i fedeli lungo il cammino laico; frattanto, tra i credenti, si riscontrano una generale mancanza di fiducia e una riluttanza a distaccarsi dal mondo, e tali credenti vivono tra impegnative complicazioni mondane. Alcune chiese esteriormente appaiono affollate e vivaci, ma molte persone vanno in chiesa soltanto per ampliare la propria rete di conoscenze e vendere prodotti, utilizzando la chiesa come luogo di commerci. Qual è la differenza tra una chiesa di oggi e un tempio verso la fine dell’Età della Legge? Da queste cose risulta evidente il completo avverarsi della profezia del ritorno del Signore.
Il quarto segno del ritorno del Signore: la manifestazione di falsi cristi
Matteo 24:4-5 dice: “Gesù rispose loro: ‘Guardate che nessuno vi seduca. Poiché molti verranno nel Mio nome, dicendo: “Io sono il Cristo”. E ne sedurranno molti’”. Dalla profezia del Signore possiamo vedere che quando il Signore ritorna emergono falsi cristi che ingannano le persone. Negli ultimi anni si sono manifestati falsi cristi che hanno ingannato la popolazione in paesi quali Cina, Corea del Sud e Giappone. Questi falsi cristi non possiedono l’essenza di Cristo, né sanno proclamare la verità, eppure affermano di essere Cristo. Qui è evidente l’avverarsi di tale profezia.
Il quinto segno del ritorno del Signore: la restaurazione di Israele
Matteo 24:32-33 dice: “Imparate dal fico questa similitudine: quando già i suoi rami si fanno teneri e mettono le foglie, voi sapete che l’estate è vicina. Così anche voi, quando vedrete tutte queste cose, sappiate che egli è vicino, proprio alle porte”. Molti che credono nel Signore sanno che i rami teneri e le foglie del fico si riferiscono alla restaurazione di Israele. Quando si giunge alla restaurazione di Israele, il giorno del Signore è vicino, e tale restaurazione è avvenuta il 14 maggio 1948. Ovviamente questa profezia sul ritorno del Signore si è avverata in pieno.
Il sesto segno del ritorno del Signore: la diffusione del Vangelo fino ai confini della terra
Matteo 24:14 riferisce: “E questo vangelo del regno sarà predicato in tutto il mondo, affinché ne sia resa testimonianza a tutte le genti; allora verrà la fine”. In Marco 16:15 il Signore Gesù dopo la Sua risurrezione dice ai discepoli: “Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura”. Quando Gesù risorto ascese al cielo, lo Spirito Santo cominciò a guidare coloro che seguivano il Signore Gesù in modo che Lo testimoniassero. Oggi i cristiani si sono diffusi in tutto il mondo e molti paesi democratici hanno adottato il cristianesimo come religione di Stato. Perfino in Cina, dove il partito al potere è ateo, decine di milioni di persone hanno accolto il Vangelo del Signore Gesù, e così si può vedere che il Vangelo della redenzione dell’umanità tramite il Signore Gesù si è diffuso in tutto il mondo. In questo è evidente come la profezia sul ritorno del Signore si sia avverata.
Come dobbiamo accogliere il ritorno del Signore?
Dai dati di fatto sopra elencati possiamo vedere che si sono già manifestati sei segni del ritorno del Signore. Questo è il momento cruciale per accogliere l’avvento del Signore. Che cosa dobbiamo fare prima di poter accogliere il ritorno del Signore? Il Signore Gesù ci fornì molto tempo fa la risposta a questa domanda.
In Giovanni 16:12-13 il Signore Gesù disse: “Ho ancora molte cose da dirvi, ma non sono per ora alla vostra portata; quando però sarà venuto Lui, lo Spirito della verità, Egli vi guiderà in tutta la verità, perché non parlerà di Suo, ma dirà tutto quello che avrà udito, e vi annuncerà le cose a venire”. L’Apocalisse 3:20 dice: “Ecco, Io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la Mia voce e apre la porta, Io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con Me”. Vi sono molte profezie anche nei capitoli 2 e 3 dell’Apocalisse: “Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese”. Come si può vedere da questi versetti, quando il Signore ritornerà pronuncerà discorsi e parlerà alle chiese, spiegandoci tutte le verità che prima non capivamo. Coloro che, avendo ascoltato i discorsi di Dio e avendo riconosciuto la Sua voce, Lo accettano e si sottomettono a Lui potranno accogliere il Signore e partecipare al banchetto dell’Agnello; coloro che non riconoscono la voce di Dio, invece, certamente non saranno fra le pecore di Dio e saranno da Lui rivelati ed eliminati. In questo è evidente come, nell’attendere l’avvento del Signore, sia cruciale percepire le parole dello Spirito Santo alle chiese e imparare ad ascoltare la voce di Dio. Come dice Dio Onnipotente: “Dal momento che stiamo cercando le orme di Dio, dobbiamo cercare la volontà di Dio, le parole di Dio, le enunciazioni di Dio – poiché dove ci sono le nuove parole di Dio, c’è la voce di Dio e, dove ci sono le orme di Dio, ci sono le opere di Dio. Dove c’è l’espressione di Dio, c’è l’apparizione di Dio e dove c’è l’apparizione di Dio esiste la verità, la via, e la vita” (“L’apparizione di Dio ha introdotto una nuova età” in “La Parola appare nella carne”).
Ascoltando queste parole, alcuni potranno domandare: “Allora dove andiamo per trovare la voce di Dio?” In Matteo 25:6 il Signore Gesù disse: “Verso mezzanotte si levò un grido: ‘Ecco lo sposo, uscitegli incontro!’”. Poiché il Signore chiama le Sue pecore con i Suoi discorsi e la Sua parola, certamente alcuni udranno per primi la voce del Signore e seguiranno le orme dell’Agnello, e poi grideranno ovunque: “Ecco lo sposo”, per diffondere la notizia del ritorno del Signore e le parole del secondo avvento del Signore, in modo che tutti abbiano la possibilità di udire la voce di Dio. Pertanto viene detto che per seguire le orme dell’Agnello dobbiamo avere il cuore che brama di ricercarLo e dobbiamo saper riconoscere la voce di Dio. Allo stesso modo, quando il Signore Gesù Si manifestò per la prima volta e cominciò a compiere l’opera, Pietro, Maria e altri riconobbero nel Signore Gesù il Messia grazie alla Sua opera e alle Sue parole e Lo seguirono e cominciarono a testimoniare il Suo Vangelo. Coloro che ascoltano l’opera e le parole del Signore Gesù e sanno riconoscere la voce di Dio sono le vergini savie, mentre quei sacerdoti, scribi e farisei che non amavano la verità udirono l’autorità e la potenza delle parole del Signore Gesù eppure non le esaminarono. Invece si attennero ostinatamente alle loro concezioni e fantasie, pensando che “chi non è chiamato Messia non è Dio” e aspettando la manifestazione del Messia. Addirittura condannarono e bestemmiarono l’opera del Signore Gesù e alla fine persero la salvezza offerta da Dio. Vi erano anche i credenti ebrei che seguivano i farisei e nell’opera e nelle parole del Signore Gesù non distinguevano la voce di Dio, ascoltando invece ciecamente i sacerdoti, gli scribi e i farisei e rifiutando la salvezza offerta dal Signore. Queste persone divennero le vergini stolte che vengono abbandonate dal Signore. Alcuni potranno domandare: “Allora come si può distinguere la voce di Dio?” In realtà, non è difficile. I discorsi e le parole di Dio devono essere impronunciabili da parte dell’uomo. Devono essere particolarmente autorevoli e potenti. Saranno in grado di svelare i misteri del regno dei cieli e di rivelare la corruzione dell’uomo e così via. Tutte queste parole sono verità e tutte possono essere la vita dell’uomo. Chiunque abbia un cuore e uno spirito se ne accorgerà quando udrà la parola di Dio, e nel cuore avrà la conferma che il Creatore sta parlando e sta pronunciando i Suoi discorsi per noi esseri umani. Le pecore di Dio ascoltano la Sua voce. Se siamo sicuri che queste parole sono la voce di Dio, dobbiamo allora accogliere tali parole e obbedire loro, anche se ben poco si conformano alle nostre concezioni. Solo in questo modo possiamo accogliere il ritorno del Signore.
Nel mondo di oggi soltanto la Chiesa di Dio Onnipotente testimonia che il Signore – Dio Onnipotente incarnato – è già ritornato. Dio Onnipotente ha già espresso milioni di parole, che sono pubblicate su Internet perché possano essere esaminate da persone di tutti i paesi e di ogni strato sociale. Una dopo l’altra, le molte persone di ogni nazione che bramano la verità vengono con la speranza di ascoltare la voce di Dio e di accogliere il Signore. Come è detto nella Bibbia: “Ecco lo sposo, uscitegli incontro!” Se semplicemente continuiamo a leggere le parole espresse da Dio Onnipotente, ascoltando in modo da discernere se siano la voce di Dio, potremo allora stabilire se il Signore sia ritornato oppure no. Come disse il Signore Gesù in Giovanni 10:27: “Le Mie pecore ascoltano la Mia voce e Io le conosco, ed esse Mi seguono”. A mio parere, se abbiamo un cuore che ricerca con umiltà, possiamo riconoscere la voce di Dio e accogliere il ritorno del Signore.
Fonte: La Chiesa di Dio Onnipotente
Segni degli ultimi tempi: i segni del ritorno di Gesù si sono realizzati, come possiamo accogliere il Signore?ultima modifica: 2020-05-31T15:37:28+02:00da cartina888
Reposta per primo quest’articolo